Prof. MOFFA Claudio
 
 

Curriculum accademico

 

CONTATTI
: 377-1520283; claudiomoffa@alice.it (si consiglia di utilizzare questo indirizzo e-mail); cmoffa@unite.it; moffa@unite.it

Curriculum esteso: per quello accademico vedi la versione inglese più sotto

Claudio Moffa è professore ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali
(SPS 06) presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Teramo, dove insegna Relazioni Internazionali (laurea magistrale, fondamentale II anno, 6 crediti) e Diritto e Istituzioni dell'Africa e dell'Asia (laurea triennale, 6 crediti). Ha cominciato a occuparsi di storia e problematiche dei paesi extraeuropei e di immigrazione come redattore e collaboratore, fra il 1972 e il 1985, di varie testate quotidiane e periodiche fra cui - dopo l'esperienza giovanile in Lotta continua - il Corriere della Sera, Paese Sera, Panorama, il Gr-Rai. Acquisito il titolo di giornalista professionista con Paese sera, nel 1985 decide, per maggiore libertà e mantenendo come opinionista collaborazioni con testate quali La Stampa, il Gr-Rai, Rai News 24, Avvenire, La Sicilia, di intraprendere la carriera universitaria: entra dunque - con a bilancio diversi libri e numerosi saggi - nell'Università di Teramo come ricercatore di Storia e Istituzioni dei Paesi afroasiatici (Presidente della Commissione Paolo Beonio Brocchieri). Nel 2000, grazie a numerose altre pubblicazioni fra cui L'Africa alla periferia della Storia, premio Cultura Presidenza del Consiglio e primo libro a essere pubblicato all'estero del raggruppamento africanistico italiano (Harmattan 1994), vince il concorso da straordinario (Presidente della Commissione Vittorio Salvadorini) ottenendo la conferma e il passaggio all'ordinariato alla scadenza del triennio successivo.
Dopo essersi occupato preminentemente, con ampia produzione saggistica, di problematiche politologiche e etnostoriche (le rivoluzioni nell'Africa nera, il fattore etnico nella lunga durata del continente africano, la questione nazionale e le sue trasformazioni dopo la fine della decolonizzazione, le origini storiche e geografiche del sottosviluppo del continente) Claudio Moffa ha esteso le sue ricerche ad altri settori disciplinari: ha studiato così la questione dell'immigrazione, come Direttore di un Osservatorio intereuropeo-interuniversitario finanziato dalla Commissione Europea (ODEG: 2000-2001) e partecipando come ricercatore e membro del Comitato Scientifico al progetto interregionale e internazionale INTEMIGRA, diretto dalla Regione Abruzzo (2002: da cui diverse pubblicazioni fra cui La favola multietnica. Per una critica della sociologia dell' "immigrazione facile", 2002: una analisi critica dei miti buonisti della sociologia "progressista", con richiami alla categoria marxiana dell'esercito industriale di riserva). Dopo il 2004 si è specializzato anche in Diritto internazionale, studiando in particolare il caso del Tribunale penale del Ruanda, paese sulla cui crisi degli anni Novanta ha scritto diversi saggi su Africa, Giano, Politique Africaine, Limes. Nel 2007 è diventato avvocato-elenco professori in base al RDL 1578 del 1933.
E' studioso di Enrico Mattei (1906-1962), che reputa una delle più grandi personalità, forse la più grande, dell'Italia repubblicana, sulla cui vicenda ha condotto ricerche preso l'Archivio ENI di Pomezia (trovandovi importanti documenti che costringono a rivedere la storia e la fine del Presidente dell'ENI), e organizzato due convegni (Enrico Mattei, il coraggio e la Storia - 2006 - e La straordinaria vicenda Mattei fra oblio e occultamento - 2008): anche da questa esperienza sono usciti libri e saggi, come Enrico Mattei: contro l'arrembaggio al petrolio e al metano (2006), Enrico Mattei, il coraggio e la Storia (2006), Dalla guerra di Suez all'attentato a Bascapé: l'ombra di Israele sul "caso Mattei" (su Eurasia 2006) e Il caso Mattei e il conflitto arabo-israeliano (1961-1962) (su Eurasia 4/2007).

RIVISTEe DIZIONARI. Claudio Moffa ha collaborato al Dizionario Biografico degli Italiani e al Dizionario Storiografico della Bruno Mondadori. Ha inoltre scritto numerosi saggi su riviste specialistiche nternazionali e italiane quali Politique Africaine, Le monde diplomatique, Limes, Studi Piacentini, Politica Internazionale, Africa, Africana, Estudia Africana, Rivista di Storia contemporanea, Giano, Marxismo oggi, Il Calendario del Popolo e negli ultimi anni, appunto, Eurasia.
Quaderni internazionali (1987-1990) - fra i collaboratori Paul Sweezy, Bruno Amoroso, Piergiovanni Donini, Igor Man, Enzo Santarelli, Susan George, Aldo Garzia - e La lente di Marx (1994-1997) sono invece le due riviste da lui stesso fondate e dirette: la prima ha affrontato temi come La Libia di Gheddafi (1987) Il no di Cuba (1990) e La questione nazionale dopo la decolonizzazione: per una rilettura del diritto di autodecisione dei popoli (1988), anticipazione quest'ultima di una riflessione poi divenuta comune e diffusa sull'implosione delle "indipendenze" e delle balcanizzazioni come strumento di indebolimento e disgregazione degli Stati sovrani sortiti dalla II guerra mondiale e dalla decolonizzazione.
La lente di Marx (collaboratori Andrea Catone, Luc De Heusch, Enzo Santarelli, Costanzo Preve, Franco Accame e altri) suscitò un buon dibattito con il dossier Ebrei brava gente. Ebrei come tutti, presentato fra l'altro all'Università di Teramo con i proff. Guido Valabrega e Umberto Melotti e anticipatore di diversi anni di temi e problemi oggi comunque molto attuali, fra cui quello del rispetto e della difesa della libertà di espressione e del lobbismo filoisraeliano (cfr. per avere un'idea, il libro di John Mearsheimer e Stephen Walt, La Israel Lobby e la politica estera americana, Mondadori, Milano 2007).
Come docente sensibile ai temi della riforma universitaria, Claudio Moffa ha infine fondato e diretto il foglio (in senso letterale: un A3 fronte/retro) L'Ateneo e la Città, stampato artigianalmente in fotocopie e distribuito dentro l'Ateneo teramano: negli 8 numeri usciti, sono stati anticipati con la collaborazione di alcuni colleghi e di studenti, temi oggi all'ordine del giorno nel dibattito sugli effetti contraddittori della riforma universitaria degli anni Novanta, come la disseminazione territoriale del "Campus", il degrado effetto della laurea triennale, il meccanismo dei nuclei di valutazione, etc.

ALTRI LIBRI. Alla questione della libertà di espressione, di insegnamento e di ricerca sono dedicate le ultime due curatele di Claudio Moffa: La storia imbavagliata (2007) e La polizia del pensiero (2009) con scritti di noti intellettuali, giuristi e giornalisti, italiani e stranieri come Francesco Mario Agnoli, Michele Ainis, Giovanni Cipollone, Giovanna Corrias Lucente, Elisabetta Rampelli, Mauro Mellini, Franco Cardini, Norman Finkelstein, Israel Shamir. Si tratta di lavori "difensivi" necessari che affrontano questioni giuridiche "formali" e non tematiche contenutische storiche o politologiche come tutta la produzione precedente del docente, e cioè in ordine cronologico, fra gli altri: Etiopia dietro la trincea (1978), un'analisi dall'interno della situazione etno-sociale e politico istituzionale post monarchica; La rivoluzione etiopica. Testi e documenti (dei diversi protagonisti della guerra civile degli anni Settanta) prefazione dello storico Enzo Santarelli (1980); i volumi Saggi di Storia Africana (1996) e il collettaneo L'etnia fra invenzione e realtà (1999), che affrontano la questione del "fattore etnico" nella storia dell'Africa; Storia dell'Africa (a cura di, 1999, della collana Teti sulla riedizione della Storia Universale dell'Accademia delle Scienze dell'URSS); 11 settembre. Palestina radice della guerra (saggio, gennaio 2002, un'analisi accurata del ruolo di Israele nei conflitti mediorientali, e che già prevedeva l'obbiettivo Iraq al centro della strategia dello "scontro di civiltà); Msiri e il capitano Bodson. Colonialismo yeke e colonialismo europeo nel Katanga dell'Ottocento (2003), che analizza un originale caso di "colonialismo nero" nel Congo pre-belga; Lamerica. Ideologie e realtà dell'immigrazione, Atti del Convegno (2004: curatela e saggio), INTEMIGRA. Progetti oltre frontiera. L'immigrazione straniera nelle regioni adriatiche (coautore), a cura di Francesco Carchedi. E poi i libri su Mattei: Enrico Mattei, il coraggio e la storia, a cura di e saggio: (2007), Enrico Mattei: contro l'arrembaggio al petrolio e al metano (2007).

ATTIVITA' DIDATTICA. Infine, come docente, oltre alla normale attività didattica presso l'Università di Teramo, Claudio Moffa ha svolto corsi di specializzazione presso Istituti vari - fra cui la SIOI di Roma - e fondato e diretto il Master Enrico Mattei in Vicino e Medio Oriente, che nell'edizione teramana e in quella romana (sotto l'egida dello IEMASVO, Istituto Enrico Mattei in Vicino e Medio Oriente) ha raccolto una rosa di docenti autorevole e caratterizzata in senso pluralista, contro le stesse opinioni del coordinatore: gli storici Franco Cardini, Guido Salvatore Bono, Antonello Biagini, l'intellettuale israeliano Israel Shamir, l'archeologo Paolo Matthiae, il biblista Gianfranco Ravasi, i giornalisti Samir Al Qaryouti, Ugo Tramballi, Ferdinando Pellegrini, Dan Vittorio Segre dell'Istituto Mediterraneo di Lugano, i giudici Clementina Forleo e Rosario Priore e eminenti personalità del mondo politico-diplomatico come Giulio Andreotti, gli ambasciatori iraniano e siriano e quello israeliano presso la Santa Sede Mordechay Lewy.


NB: questo testo, corredato da immagini e documenti ad esso connessi, è scaricabile in formato pdf dal sito www.claudiomoffa.it


Curriculum english version

 

Claudio Moffa is Full Professor of History and Institutions of Africa's and Asia's Countries at the University of Teramo, Faculty of Political Sciences, in Italy. His studies and researches concern principally Africa, Middle East and the Mediterranean Region, and he currently teaches courses in History and Institutions (9 cfu) and Law and Institutions(6 cfu) of African and Middle East Countries. During more than thirty years of professional activity in International Affairs, he conducted researches and published many Books, Essays, Articles on some selected items: the role of ethnicity in African History and the connected "national question", both approached also from an historical point of view; the present problem of international migrations, analyzed in the light of the international conflicts and the economic crisis, and in a perspective of regulating this phenomenon often considered as "natural" and "uncontrollable" by official Sociology. Moffa worked on this particular item as a researcher and member of the Scientific Council of "Intemigra", an inter-regional and international research project coordinated by Regione Abruzzo. He was also the project -leader of an international research project funded by the European Commission. This project was based on an observatory on immigration problems and involved Universities of other European countries. Another item of reflection and research , has been the historical and politological analysis of Islamic Movements: in his essays Moffa insists that there are some Islamic movements supported by Zionism (Bosnia, Kosovo, Tchechenia, Darfour and in part Kurdistan) and others standing against Israel, as Hamas and Hezbollah. The geopolitical differences inside the militant Islam concern especially the transnational Al Qaeda that is an "ambiguous" terroristic organization often opposed to the true national liberation movements, such as Hezbollah, Hamas and Iraq resistance.
Moffa wrote over hundred essays for specialized reviews, such as: Politique Africaine, Le monde diplomatique, Limes, Studi Piacentini, Politica Internazionale, Africa, Africana, Studia Africana (Barcelona), Rivista di Storia contemporanea, Giano, Marxismo oggi, Euntes Docete. He also published various books. In particular, L'Africa alla periferia della Storia (Guida 1993 and Rome 2007) has been the first one to be translated abroad, among the Italian africanistic literature (L'Afrique à la peripherie de l'Histoire, Paris 1995). The book, prefaced by Catherine Coquery-Vidrovitch, won the Culture Prize of the Italian Premiership in 1996 and gained good reviews on national and international press (see on www.claudiomoffa.it "recensioni"). It was also mentioned in the Historical Dictionary of Bruno Mondadori's editions. Three are the guidelines of the essay: first, the origins of underdevelopment reside not only in disequal relationships between Africa and Europe during the mercantilist and colonialist era, but also in the strong gap accumulated by the former in the longue durée history, before its "impact" with the latter at the beginning of the modern age. Second, the pre-colonial Africa felix false mythshould be overcome and substituted by a general scheme considering the interethnic conflicts (low intensity conflicts, because of the low demographic rate) as the center of the historical dynamism of African civilizations. Third, the two above mentioned guidelines are strictly connected with a critic of the "deconstructionist" anthropological school that "invents" an "invention" of ethnic realities, confusing the use and exacerbation of interethnic conflicts by European Colonialism with their mere "creation" by it.
Other Moffa's books are : La Resistenza Palestinese (1976), Etiopia dietro la trincea (1978); La rivoluzione etiopica. Testi e documenti, preface of historian Enzo Santarelli (1980); Saggi di Storia Africana(1996); L'etnia fra invenzione e realtà(1999); Storia dell'Africa (edite by, 1999); La favola multietnica. Per una critica della sociologia dell' "immigrazione facile" (2002); 11 settembre. Palestina radice della guerra (saggio, 2002), Msiri e il capitano Bodson. Colonialismo yeke e colonialismo europeo nel Katanga dell'Ottocento (Yeke and European Colonialism in precolonial Katanga) (2003); Lamerica. Ideologie e realtà dell'immigrazione (edited by, 2004). More recently, he published books on E.Mattei, the Italian founder and first President of Italian State Company-ENI: Enrico Mattei, il coraggio e la storia: (2007), Enrico Mattei: contro l'arrembaggio al petrolio e al metano(2006).
Strongly in favour of freedom of research and teaching, today menaced by integralisms, after a presumed negationist case at the University of Teramo, Claudio Moffa edited also two collectaneous books on this item: La storia imbavagliata( "Gagged history", 2007) and La Polizia del Pensiero ("Free Opinion's Police", 2009), in which assembled essays of many historians, intellectuals and jurists such Israel Shamir, Michele Ainis, Angelo D'Orsi, Vincenzo Strika and lawyers such as RenatoBorzone (General Secretary of Italian criminal lawyers association, "Camere Penali"), Giovanni Cipollone, Francesca Romana Fragale, Giovanna Corrias Lucente, Elisabetta Rampelliet. al.
Moffa founded and edited also two reviews, La lente di Marxand Quaderni Internazionali (among the collaborators Paul Sweezyand Susan George). QuaderniInternazionali included, in 1988, a monograph on the National Issue after the end of the Decolonisation, that anticipated the problem - today under the attention of historians and politologists - of the "implosion" and degeneration of the "principles of self-determination" in a localistic and tribalistic sense. On the same item Moffa wrote essays on specialized reviews, such as PolitiqueAfricaine and Limes (look at the Section "Pubblicazioni"). Last but not least, he wrote a paper on the ICC for Rwanda, on which crisis of Ninety Years he wrote other essays on Africa, Giano, Politique Africaine, Limes.
Beyond his usual teaching at the University of Teramo, Claudio Moffa has also teached specialistic courses at ONG and Institutions - among them the International Society of International Organizations of Rome (SIOI) - and founded the Master Enrico Mattei in Vicino e Medio Oriente (2005-), that in the Teramo and Rome editions has assembled a pluralistic and excellent list of teachers: historians as Franco Cardini, Ilan Pappe, Guido Salvatore Bono, Antonello Biagini, Israelian Intellectual Israel Shamir, Archeologist Paolo Matthiae, Biblist Gianfranco Ravasi, journalists as Samir Al Qaryouti, Ugo Tramballi, Ferdinando Pellegrini, Giovanni Fasanella, Sociologist Umberto Melotti, Lawyers and Judges as Rosario Priore (Moro Affair), Clementina Forleo (Terrorism affairs), Nino Marazzita (Moro Affair), Augusto Sinagra, Agostino Cilardo (Islamic Law), Prosecutor Enzo Calia (Mattei Affair).
He collaborated also, as an International Affairs expert, with many newspapers, radio and televisions such asGR-RAI, Rai News 24 and Rai -Radio Tre(Serials L'Africa fra mito e storia and L'Africa dei conflitti).




Pubblicazioni

 

INDICE


1 - LIBRI E MONOGRAFIE
2 - SAGGI E ARTICOLI

3 - RECENSIONI E PREFAZIONI DEI LIBRI
4 - CONFERENZE E CONVEGNI

5 - CONVEGNI IDEATI E ORGANIZZATI
6 - INCARICHI E ASSOCIAZIONI
7 - VARIE

Per ulteriori informazioni, vai al sito www.claudiomoffa.it


______________________________________________________________________________________________________________

1) LIBRI, MONOGRAFIE, CURATELE


2009
- Claudio Moffa, Le relazioni fra Italia e Libia, in Dominique Bendo Soupou (a cura di), Il nuovo Mediterraneo. Conflitti e coesistenza pacifica, L'Harmattan Italia, Torino 2009, pp. 276-286.
- Claudio Moffa (a cura), La polizia del pensiero, 21&33, Roma, 2009, pp. 231: saggi di Francesco Mario Agnoli, Michele Ainis, Renato Borzone, Franco Cardini, Giovanni Cipollone, Luigi Copertino, Giovanna Corrias Lucente, Norman Finkelstein, Francesca Romana Fragale, Mauro Mellini, Claudio Moffa, Antonio Napolitano, Israel Shamir, Augusto Sinagra, Vincenzo Strika et al.

2007

- Claudio Moffa (a cura di), Enrico Mattei, il coraggio e la storia, atti del convegno, Università di Teramo 17-18 maggio 2006, Roma, 2007, pp. 160: saggi di Giulio Andreotti, Umberto Bartocci, Giovanni Galloni, Vincenzo Gandolfi, Emanuele Macaluso, Nico Perrone, Andrea Ricciardi et al.
- Claudio Moffa (a cura di), La storia imbavagliata, atti del convegno del Master Enrico Mattei in Medio Oriente, Università di Teramo 17-19 aprile, Roma 2007, pp. 393: scritti di Michele Ainis, Samir Al Qaryouti, Alessandro Barbero, Paolo Bargiacchi, Luigi Copertino, Angelo D'Orsi, Tiberio Graziani, Michela Manetti, Mauro Manno, Alberto Marino, Mauro Mellini, Claudio Moffa, Giancarlo Paciello, Renato Rolli, Giancarlo Scotuzzi, Israel Shamir, et al.

2006
- Claudio Moffa, Enrico Mattei: contro l'arrembaggio al petrolio e al metano, Aracne, Roma 2006, pp. 99.
- Claudio Moffa, L'Africa alla periferia della Storia. Conflittualità interetnica, sviluppo, sottosviluppo, Nuova edizione, Aracne, Roma 2006, pp. 296.

2005

- Claudio Moffa (a cura di), Lamerica. Ideologie e realtà dell'immigrazione, Aracne, Roma 2005 (prima edizione: 2004), pp. 258: saggi di Francesco Belvisi, Paolo Chiozzi, Umberto Melotti, Claudio Moffa, Eide Spedicato Iengo; interventi di Anna Bono, Maria Claudia Origlia, Marcelle Padovani, Giancarlo Rossi, et al.

2003

- Claudio Moffa, Msiri e il capitano Bodson. Colonialismo yeke e colonialismo europeo nel Katanga dell'Ottocento, Aracne, Roma, 2003, pp. 208.

2002

- Claudio Moffa, La favola multietnica. Per una critica della sociologia dell' "immigrazione facile", l'Harmattan Italia, Torino, pp. 103.
- Claudio Moffa, 11 settembre. Palestina radice della guerra, Quaderni di Contropiano, Roma, gennaio 2002, pp. 40.

1999

- Claudio Moffa (a cura di), Storia dell'Africa, Teti editore, Milano, pp. 215.
- Claudio Moffa (a cura di), L'etnia fra invenzione e realtà, l'Harmattan Italia, Torino 1999, pp. 219: saggi di Anna Bono, Alfred Bosch, Carlo Carbone, Luc de Heusch, Piergiovanni Donini, Rosario Giordano, Bogumil Jewsiewicki, Luigi Lombardi-Satriani, Umberto Melotti, Claudio Moffa, Giordano Sivini, Pier Giorgio Solinas et al.
- Claudio Moffa con Andrea Catone, Domenico Losurdo, P.F. Taboni, Dal Medio Oriente ai Balcani. L'alba di sangue del "secolo americano", La Città del Sole, Napoli 1999.

1996
- Claudio Moffa, Saggi di Storia Africana, Unicopli, Milano 1996, pp. 278.

1995
- Claudio Moffa (a cura di) La lente di Marx, 3, Roma 1995, pp. 100: interventi e saggi di Guillermo Almeyra, Bruno Amoroso, Pietro Barcellona, Anna Bono, Franco Cardini, Ennio Di Nolfo, Piergiovanni Donini, Claudio Moffa, Francesco Montessoro, Ugo Rescigno, Stefano Rodotà et al.

1994

- Claudio Moffa, L'Afrique à la peripherie de l'histoire, prefazione di Catherine Coquery Vidrovitch, l'Harmattan, Parigi, pp. 379.
- Claudio Moffa (cura di), La storiografia africanistica nell'età della decolonizzazione fra vecchi e nuovi miti, Atti del convegno, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo, in Trimestre, XXVIII/1-4, pp. 103-153: saggi di Catherine Coquery Vidrovitch, Bernardo Bernardi, Salvatore Bono, Umberto Melotti, Irma Taddia.
- Claudio Moffa (a cura di) La lente di Marx, 2, Roma 1994, pp. 100: monografia con sezione antologica (Antonio Gramsci, Abraham Léon, Carlo Marx, Sante Mazzarino, Baruch Spinoza, Livia Rokach, William Yale, Zevi Peres Chajes) e sezione saggi (Luc De Heusch, Serge Halimi, Franco Accame, Andrea Catone, Alessandra Ciattini, Paolo Matthiae, Claudio Moffa, Tiziano Tussi).

1993
- Claudio Moffa, L'Africa alla periferia della Storia, Guida, Napoli 1993, pp. 359.

1990

- Claudio Moffa (a cura di), Il no di Cuba, 4, 1990, pp. 298: saggi, articoli e interventi di Paolo Amati, Massimo Cavallini, Augusta Conchiglia, Flavio Fusi, Aldo Garzia, Susan George, Roberto Massari, Antonio Melis, Claudio Moffa, Patrizia Poletti, Paolo Pioppi, José Ramos Regidor, Alessandra Riccio, Enzo Santarelli, Paul Sweezy, et al.

1988
- Claudio Moffa (a cura di), La questione nazionale dopo la decolonizzazione. Per una rilettura del principio di autodecisione dei popoli, Roma, Quaderni Internazionali 2, pp. 300: saggi di Guillermo Almeyra, Mirella Galletti, Gianni Lanzinger, Marco Lenci, Claudio Marta, Claudio Moffa, Carlo Pinzani, Gianroberto Scarcia, Guido Valabrega, Victor Zaslasvky.

1986

- Claudio Moffa (a cura di), La Libia di Gheddafi, Roma, Quaderni Internazionali 1, pp. 193: saggi e interventi di Michele Achilli, Bruno Amoroso, Piergiovanni Donini, Giancarlo Lannutti, Igor Man, Valentino Parlato, Anthony Quinn (intervista), Gianluigi Rossi, Enzo Santarelli, Arminio Savioli, Roberto Silvestri.

1980
- Claudio Moffa, La rivoluzione etiopica Testi e documenti, Argalia, Urbino 1980, pp. 487.

1978

- Claudio Moffa, Etiopia dietro la trincea, La Salamandra, Milano 1978, pp. 196

1976
- Claudio Moffa, La resistenza palestinese, Savelli, Roma 1976, pp. 224.


2) RECENSIONI E PREFAZIONI DEI LIBRI

- Claudio Moffa, La storia imbavagliata, Roma 2007 - Un commento di Israel Shamir sul convegno all'Università di Teramo che ha dato vita al libro: cfr. www.claudiomoffa.it
- Claudio Moffa, La favola multietnica. Per una critica della sociologia dell' "immigrazione facile", l'Harmattan Italia, Torino 2002 - Prefazione di Umberto Melotti e recensione di Antonio Socci: cfr. www.claudiomoffa.it
- Claudio Moffa, L'Africa alla periferia della Storia, Guida, Napoli 1993, Premio Cultura Presidenza del Consiglio (ed. francese, L'Afrique à la peripherie de l'histoire, 1995) - Prefazione di Catherine Coquery-Vidrovitch; segnalazione nel Dizionario Storiografico di Bruno Mondadori; recensioni e estratti di recensione da Africa, Africana, Le Monde Diplomatique, e altre riviste: cfr. www.claudiomoffa.it
_______________________________________________________________________________________________________________________________________________


3) SAGGI E ARTICOLI


2009

- Claudio Moffa, L'Europa fuori dall'Europa di Enrico Mattei: un'eredità difficile, in Andrea Piras, L'Europa oltre l'Europa. Crociate, missioni, colonie, Il Cerchio, Rimini, 2009, pp. 131-138.
- Claudio Moffa, "La legge sulla giornata della memoria e la Costituzione" e "I marxisti e l 'Olocausto'", in Claudio Moffa (a cura di), La polizia del pensiero, 21&33, Roma, 2009, pp. 44-46 e pp. 168-176.

2007

- Claudio Moffa, "L'altro muro: Israele, l'Iraq e la guerra infinita: la difficoltà di informare e essere informati", in Dominique Bendo Soupu (a cura di), Il Mediterraneo dopo la crisi del sistema bipolare, atti del convegno all'Università di Salerno, Harmattan Italia, 2007, pp. 153-171.
- Claudio Moffa, "Putin, il Vicino Oriente e il mondo", in Eurasia 2, 2007, pp. 79-82.
- Claudio Moffa, "Le contraddizioni della cultura liberale di fronte al tema dell' 'Olocausto', pp.15-19; Idem, "La storia come reato d'opinione. Le leggi 'antinegazioniste' in Europa, Turchia, Ruanda", pp. 95-116: in Claudio Moffa (a cura di), La Storia imbavagliata, Atti del convegno, Università di Teramo 17-19 aprile, s.e., Roma 2007.
- Claudio Moffa, "Dalla guerra di Suez all'attentato di Bascapé: l'ombra di Israele sul 'caso Mattei'", s.e., Roma 2007, in Claudio Moffa (a cura di), Enrico Mattei, il coraggio e la storia, pp. 95-116.

2006

- Claudio Moffa, Una narrazione autoctona: Msiri e le Memorie di Mukanda Bantu, in Maria R. Turano (a cura di), Le fonti narrative nelle scienze sociali relative all'Africa, Atti delle Giornate di Studio, Università di Lecce, 21-22 marzo 2005, Quaderni di Palaver, Aracne, Roma 2006, pp. 41-45.

2003

- Claudio Moffa, Il nuovo 'esercito industriale di riserva', in Claudio Moffa (a cura di), Lamerica Ideologie e realtà dell'immigrazione, saggi di Belvisi, Chiozzi, Furcht, Melotti, Moffa, Spedicato Iengo; interventi di A. Bono, Cararo, Origlia, M. Padovani, Giancarlo Rossi, Aracne, Roma 2005 (prima edizione: 2004), pp. 105-130.
- Claudio Moffa, Guerre vere e paci finte: un modello neocoloniale per i Grandi Laghi?, in Limes 3, 2003, pp. 259-272.
- Claudio Moffa, Presentazione del libro di Roberto Fondi, Università riformata o demolita? ASEFI, Milano, pp. XIII- XVII.

2002

- Claudio Moffa, L'etnicità in Africa fra opzione ideologica e fatti. L'implosione della 'questione nazionale' dopo la decolonizzazione, in Abruzzo, rivista dell'Istituto di Studi Abruzzesi, fondata da Ettore Paratore, XXXIX, gennaio-dicembre 2001: Centiscriptio (Scritti demo-etno-antropologici offerti a Giuseppe Profeta), vol. I, pp. 93-113.
- Claudio Moffa, La Nepad in una prospettiva storica: l'Africa ed i rischi di una globalizzazione senza regole, in Autori Vari, L'Africa per l'Africa, Atti del Convegno internazionale "Nuovo piano di sviluppo dell'Africa per l'Africa", Roma, Università Gregoriana, 13 marzo 2002.
- Claudio Moffa, 11 settembre: Palestina radice della guerra', in Sergio Manes (a cura di), Il mondo dopo Manhattan, La Città del Sole, Napoli 2002, pp. 119-134.
- Claudio Moffa, "Palestinesi ed Ebrei: una relazione conflittuale di identità diseguali", in UNICEF-Università D'Annunzio, Rivedendo antichi pregiudizi. Stereotipi sull'altro nell'età classica e contemporanea, Atti del III Corso Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo, a cura di G.A. Lucchetta, Postfazione di E. Spedicato Longo, Troilo Editore, Bomba (Ch).
- Claudio Moffa, recensione su Africa, 1, 2002, pp. 144-145, di Alain Goussot, Giuseppe Mazzini. Formazione intellettuale e rapporti con la cultura europea (1805-1872), Domus Mazziniana, Pisa 2000, pp. 227.
- Claudio Moffa, Sulla possibile incostituzionalità di alcuni aspetti della legge 154/2001, in Temi Romana, 2-3, 2003, pp. 242-250.

2001

- Claudio Moffa, "Mazzini e lo 'splendido moto' coloniale. Libertà, progresso e indipendenza solo per i popoli del continente europeo: un ordinario caso di eurocentrismo ottocentesco", ne Il Calendario del Popolo, 658, novembre 2001.
- Claudio Moffa, L'immigrazione extracomunitaria in Abruzzo e Molise: evoluzione storica e caratteristiche generali, in Francesco Carchedi (a cura di), INTEMIGRA.Progetti oltre frontiera. L'immigrazione straniera nelle regioni adriatiche, CISI Abruzzo, 2001, pp. 56-75.
- Claudio Moffa, Mercato del lavoro e formazione professionale, in Idem, pp. 207-212.

2000

- Claudio Moffa, I deportati libici della guerra del 1911-1912 alle Tremiti, in atti del Convegno internazionale Gli esiliati libici nel periodo coloniale, Isole Tremiti, 28-29 ottobre 2000, a cura di Francesco Sulpizi e Salaheddin Hasan Sury, ISIAO-Istituto per l'Africa e l'Oriente, e Centro Libico per gli Studi Storici, Roma 2002, pp. 53-81.
- Claudio Moffa, La globalizzazione in Africa tra guerre e nuovo sottosviluppo, in AA.VV., Percorsi di lettura della globalizzazione, Fratelli Palombi Editori, Roma 2000, pp, 56-59.

1999

- Claudio Moffa, "La Chiesa e le 'Nazioni potenti': uno scontro dentro Propaganda Fide sulle missioni in Africa in alcune lettere inedite di Comboni", in Studi Piacentini, n. 1, 1999, pp. 123-139.
- Claudio Moffa, L'africanistica sovietica fra mito e realtà, in Claudio Moffa (a cura di), Storia dell'Africa, Teti, Milano, 199, pp. 5-35.
- Claudio Moffa, "Romolo Gessi", voce del Dizionario biografico degli Italiani, Treccani, Roma, 1999.
- Claudio Moffa, Conflittualità interetnica e origine dello Stato in Africa in Claudio Moffa (a cura di), L'Etnia fra "invenzione" e realtà, Atti del Convegno internazionale (Università di Teramo 1997), L'Harmattan Italia ed., Torino 1999, pp. 155-179.
- Claudio Moffa, "Gordon e Gessi in una lettera inedita di Comboni a Cesare Correnti", in Africa, 3, 1999, pp. 414-429.
- Claudio Moffa, " 'Popoli senza stato' e ideologi senza cervello", in Limes, 1, 1999, pp. 269-278.
- Claudio Moffa, L'Urss e il Terzo mondo, in Atti del Convegno italo-russo URSS. Bilancio di una esperienza, Università di Urbino, 25-27 settembre 1997, a cura di Ruggero Giacomini e Domenico Losurdo, Editore Quattroventi, Urbino.
- Claudio Moffa, "Riflessioni sulle categorie 'razza' e 'differenza', in Giano, gennaio-aprile 1999, pp. 133-136.
- Claudio Moffa, Dalla 'razza' alla differenza, così la sinistra scopre le virtù della guerra coloniale, in Andrea Catone, Claudio Moffa, Domenico Losurdo, P.F. Taboni, Dal Medio Oriente ai Balcani. L'alba di sangue del "secolo americano", La Città del Sole, Napoli, pp. 83-120.

1998
- Claudio Moffa, "Comboni e il suo tempo: fra l'utopia del 'Piano per la rigenerazione dell'Africa' e il 'realismo' colonialista", in Africa, 3. 1998, pp. 394-415.
- Claudio Moffa, "Il Ruanda e la responsabilità degli eccidi", in Giano, 29-30, 1998, pp. 163-176.
- Claudio Moffa, "Comboni e la visione europea dell'Africa alla metà dell'Ottocento", in AA.VV., Daniele Comboni fra Africa e Europa. Saggi storici, EMI, Bologna 1998 (pp. 115-146).
- Claudio Moffa, "Dietro Clinton la Lobby sionista", in Giano 28, gennaio-aprile 1998, pp. 69-83.
- Claudio Moffa, "Gessi, Gordon e Comboni alla vigilia della campagna antischiavista del Bahar el-Ghazal: due lettere inedite del missionario italiano alla Società Geografica Italiana" in Africana, 1-1999, pp. 105-116.
- Claudio Moffa, "I graffiti del Tadrart Acacus", in Archeo, 1, 1999, pp. 84-95.

1997
- Claudio Moffa, "Lotta politica, guerra ineretnica e ricerca storiografica nella regione dei Grandi Laghi", in Africa, 4, 1997, pp. 614-624.
- Claudio Moffa "Les conflits intheretniques au Rwanda et au Burundi precoloniaux. Pour une critique marxiste de l'anthropologie 'déconstructiviste' ", in Studia Africana, 8, març 1997, pp.119-142.
- Claudio Moffa, "L'ethnicité en Afrique: l'implosion de la 'question nationale" après la decolonisation", in Politique Africaine, 66, 1997, pp. 101-114.
- Claudio Moffa, "L'implosione del 'principio di autodecisione dei popoli' ", in Politica Internazionale, 1-2, 1997, pp. 137-142.
- Claudio Moffa, recensione a Politique Africaine e al libro collettaneo Kabila prend le pouvoir, ed. Complexe Paris, 1998, su L'Unità Libri, 14 dicembre 1998.

1996
- Claudio Moffa, "Il III Libro del Capitale alla prova empirica della storia: capitale finanziario e commerciale nella vicenda di Suez", in Marco Guidi (a cura di), Il Terzo libro del 'Capitale' di Karl Marx, in Trimestre, 1-2, 1996, pp. 213-240.
- Claudio Moffa, I deportati libici alla Tremiti dopo la rivolta di Sciara Sciat, in Fonti e problemi della politica coloniale italiana, Atti del Convegno, Taormina-Messina, 23-29 ottobre 1989, Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Roma 1996, vol. I, pp. 259-286.
- Claudio Moffa, voce "Modo di produzione africano", in Dizionario di Storiografia, Bruno Mondadori, Milano 1996.
- Claudio Moffa, voce "Islamismo nell'Africa subsahariana", in Dizionario di Storiografia, Bruno Mondadori, Milano 1996.
- Claudio Moffa, voce "Cristianesimo in Africa", e altre, per il Dizionario di Storiografia, Bruno Mondadori, Milano 1996.
- Claudio Moffa, "Marx e il Canale di Suez. Capitale finanziario e commerciale in una vicenda chiave del colonialismo", in Africa, 2, 1996, pp. 225-247.
- Claudio Moffa, "Les conflits interethniques au Rwanda et au Burundi précoloniaux. Pour une critique marxiste de l'anthropologie 'deconstructiviste'", in Studia Africana, 6, 1996, Barcellona.
- Claudio Moffa, "Il Katanga 'terra di nessuno' fra tratta schiavista e nuovo ordine coloniale. La costruzione dello Stato coloniale nei Rapporti del Sostituto Procuratore Martin Rutten, 1902-1903", in Africana, 1996, pp. 109-122.
- Claudio Moffa, "1966-1996: L'Africa dalla decolonizzazione all'età postcoloniale. L'implosione del "diritto di autodeterminazione" dei popoli", in P. Benvenuti, P. Gargiulo, F. Lattanzi, Atti del Convegno "Nazioni Unite e Diritti dell'Uomo a trent'anni dall'adozione dei Patti", Università degli Studi di Teramo, Teramo 1996, pp. 117-130.

1995

- Claudio Moffa, Transnazionalità e competizione interimperialistica nella vicenda di Suez. Riflessioni sulla storiografia italiana oltre il 'caso Negrelli', in Claudio Cerreti (a cura di), Colonie africane e cultura italiana fra Ottocento e Novecento. Le esplorazioni e la geografia (Presentazione di Ilaria Luzzana Caraci), CISU, Roma 1995, pp. 239-262.
- Claudio Moffa, "L'africanistica nella crisi del processo di decolonizzzazione", introduzione al convegno La storiografia africanistica nell'età della decolonizzazione fra vecchi e nuovi miti, con Catherine Coquery Vidrovitch, Bernardo Bernardi, Salvatore Bono, Umberto Melotti, Irma Taddia, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo, in Trimestre, XXVIII/1-4, 1995, pp. 107-112.
- Claudio Moffa, "Sionismo. Laicismo, marxismo e buonafede in una polemica inusuale", in AA.VV:, Dossier sul revisionismo (Karl Heinz Roth, Pier Paolo Poggio, Francesco Germinario, Domenico Losurdo, Claudio Moffa, Alberto Burgio) in Marxismo oggi, 3, 1995, pp. 77-97.
- Claudio Moffa, recensione a A.M. Gentili, Il leone e il cacciatore. La Storia dell'Africa subsahariana, Firenze, La Nuova Italia Scientifica, 1995, in Oriente Moderno, 7-12, 1995, pp. 333-335.

1994

-
Claudio Moffa, " 'La storiografia africanistica dell'età della decolonizzazione fra vecchi e nuovi miti'. Un incontro degli africanisti italiani con Coquery-Vidrovitch all'Università di Teramo", in Africana, 1994, pp. 111-116.
- Claudio Moffa, "Risposta a Carlo Carbone su L'Africa alla periferia della Storia: ovvero, sul 'senso di colpa' degli studiosi europei", in Africana, 1994, pp. 117-120.
- Claudio Moffa, "Sottosviluppo, conflittualità interetnica e modi di produzione: dalla Storia alla Storia", in Africa, 4, 1994, pp. 7-14.
- Claudio Moffa, recensione di Catherine Coquery-Vidrovitch, Histoire des villes d'Afrique noire, Albin Michel, Paris, 1993.
- Claudio Moffa (cura di), La storiografia africanistica nell'età della decolonizzazione fra vecchi e nuovi miti, Atti del convegno, in Trimestre, XXVIII/1-4, pp. 103-153.
- Claudio Moffa, saggi e interventi, in Claudio Moffa (a cura di) La lente di Marx, 2, Roma 1994, pp. 100.

1993

- Claudio Moffa, "Un capitalismo senza apartheid? Oltre l'interpretazione neomarxista del processo di liberazione africano", in AA.VV., Dossier: Sudafrica, la transizione difficile, Roma 1993, pp. 39-45.
- Claudio Moffa, "La 'crisi' della storiografia africanistica orale fra aspetti metodologici e dimensione storico-politica", in Africa, 3, 1993, pp. 430-446.

1991
- Claudio Moffa, recensione di Basil Davidson, Storia dell'Africa, Roma, Nuova Eri, 1990 (prefazione di Alberto Moravia), su Africa, 3, 1991, pp. 463-464.
- Claudio Moffa, recensione di Christian Geffray, La cause des armes au Mozambique. Anthropologie d'une guerre civile, Paris, Karthala 1990, su Africa, 3, 1991, pp. 464-465.
- Claudio Moffa, Jugoslavia: quando il dogma (della cosiddetta 'autodecisione') trascina la sinistra al suicidio, in Claudio Moffa (a cura di), '89, la lente di Marx: dal crollo del muro di Berlino al golpe di agosto, il gorbaciovismo alla prova dell' "analisi di classe" (saggi di Andrea Catone,Claudio Moffa, Georges Haupt, Gianfranco Pala, Enzo Santarelli et al.), Roma s.d., pp. 42-49.

1990

- Claudio Moffa, recensione del libro Yemane Mesghenna, Italian colonialism: a case study of Eritrea, 1869-1934. Motive Praxis and Result , Lund, Sweden, 1988 su Africa, 1, marzo 1990, pp. 170-171.
- Claudio Moffa, recensione del libro The Libyan Deportees in the Prison of the Italian Islands, a cura del Libyan Studies Center, Tripoli, 1989, su Africa, 2, giugno 1990, pp. 346-247.
- Claudio Moffa, recensione "Pianeta Sudafrica. Cosa cambia nel rapporto tra capitale, apartheid, opposizione nera", Il Manifesto, 13-2-1990, p. 12.
- Claudio Moffa, "Namibia: una via moderata all'indipendenza", in Politica internazionale, 3-4, marzo-aprile 1990, pp. 22-33.
- Claudio Moffa, "I deportati libici della guerra 1911-12", in Rivista di storia contemporanea n.1, 1990, pp. 32-56.

1988
- Claudio Moffa, "Gheddafi e la 'primavera libica'", in Politica internazionale, n.11, 1988, p. 37-42.
- Claudio Moffa, Presentazione e saggio "La 'questione armena' dagli anni '70 ad oggi: un nazionalismo dall'utopia reazionaria alla realtà", in Claudio Moffa (a cura di), Quaderni Internazionali, 3, La questione nazionale dopo la decolonizzazione. Per una rilettura del 'principio di autodecisione dei popoli', Quaderni Internazionali, 2-3, 1988, pp. 1-4 e 190-204.

1987

- Claudio Moffa, "Fattore nomadico e militare nella rivoluzione libica", in Claudio Moffa (a cura di), La Libia di Gheddafi, Quaderni Internazionali n. 1, 1987, pp. 26-46.
- Claudio Moffa, "La Senusiyya, confraternita del deserto", in Claudio Moffa (a cura di) La Libia di Gheddafi, Quaderni internazionali n. 1, 1987, pp. 161-164.
- Claudio Moffa, "Cosa dice il Libro verde", in Claudio Moffa (a cura di), La Libia di Gheddafi, Quaderni internazionali, 1, 1987, pp. 164-166.
- Claudio Moffa, "La striscia di Azou e la guerra del Ciad", in Claudio Moffa (a cura di), La Libia di Gheddafi, Quaderni Internazionali, 1, 1987, pp. 167-171.
- Claudio Moffa, "La politique internationale, face cachée de la crise italienne" in Le monde diplomatique, maggio 1987, p. 11.
- Claudio Moffa e Stefania Nanni, "Malta, alla riscoperta degli antichi templi megalitici", in PM, 4, 1987, pp. 108-120.

1986
- Claudio Moffa, "L'histoire se répète au Liberia" ne Le monde diplomatique, 2, 1987.
- Claudio Moffa, "Il fattore E. La lunga durata delle etnie nel continente africano", ne Il manifesto, 21 gennaio 1986.
- Claudio Moffa, "Profilo del cardinale Stefano Borgia 1731-1804" in Euntes docete n. 2, 1986, pp. 199-220.
- Claudio Moffa, "Le castronerie eurocentriche", sul Convegno di Pavia Asia e Africa nell'insegnamento secondario superiore, ne il manifesto, 7 novembre 1986.
- Claudio Moffa, "Zambia, la terra dell'oro rosso", in PM, 2, 1986, pp. 68-97.

1984

- Claudio Moffa, "Tante piccole rivoluzioni" (reportage dall'Alto Volta), in PM, 3, 1984, pp. 112-117.
- Claudio Moffa, "Le origini del sottosviluppo", nel dossier AA.VV. Terzo Mondo, una realtà da approfondire, pp. 8-14.

1983
- Claudio Moffa,"Militarismo e etnicità" su Politica internazionale, 1, gennaio 1983, pp.48-49.
- Claudio Moffa,"Il caso Surinam", su Politica internazionale, 2, febbraio 1983, pp. 18-19.
- Claudio Moffa, "Le contraddizioni del Marocco di Hassan II°", in Politica internazionale, 3, marzo 1983, pp. 18-19.
- Claudio Moffa, "Intervista a Thomas Sankara" presidente del Burkina Faso, ne Il manifesto del 3 maggio 1984.

1982
-
Claudio Moffa,"Turchia: identikit delle Forze armate. Gli opposti terrorismi" in Politica Internazionale, 7-8, luglio-agosto 1982, pp. 10-11.
- Claudio Moffa, "Intervista a Oliver Thambo", segretario dell'ANC sudafricano, ne Il manifesto del 6 marzo 1982.
- Claudio Moffa, "Rapporti etnici e sviluppo economico in Liberia, 1821-1980", in Africa, 4, dicembre 1982, pp. 467-483.

1981
-
Claudio Moffa, "Cianetti, Tullio", voce in Dizionario Biografico degli Italiani (Treccani).
- Claudio Moffa (in collaborazione con Giampaolo Calchi Novati - dir. - Vincenzo Caputo, Antonella Di Renzo, Patrizia Lombardi, Liliana Magrini, Massimo Micarelli, Giuseppe Mureddu), Le aggregazioni ed il perseeguimento di una nuova stabilità internazionale, IPALMO, Roma 1981.
- Claudio Moffa, "La crisi polacca nella stampa quotidiana", in Politica internazionale, 2, 1981, pp. 132-134.

1980
-
Claudio Moffa, "Afghanistan, una rivoluzione normalizzata", in Politica Internazionale, 2, febbraio 1980, pp.21-28.
-
Claudio Moffa, "Zimbabwe: la verifica della 'Terza indipendenza'", in Politica Internazionale, 7, luglio 1980, pp. 24-29.
- Claudio Moffa, "Le sinistre in Giappone. Intervista al segretario del PC giapponese", in Politica internazionale, 12, 1980, pp. 98-103.
- Claudio Moffa, "La sindrome coreana", in Politica Internazionale, 11, 1980, pp. 118-119.
- Claudio Moffa, "Lo Zimbabwe nel contesto dell'Africa australe", in Politica internazionale, 7, 1980, pp. 24-29.
- Claudio Moffa, "Nazionalità e terrorismo", in Politica internazionale, 3-4. 1980, p. 152.

1979
-
Claudio Moffa,"Cinque anni di rivoluzione in Etiopia", in Politica internazionale, 2, 1979, pp. 71-89.
- Claudio Moffa,"Il non allineamento all'appuntamento a L'Avana", in Politica internazionale, 7, pp.71-89.

1978
-
Claudio Moffa, "Le basi sociali della rivoluzione etiopica. La rivoluzione del Derg e gli organismi di massa" in Politica internazionale, 5, maggio 1978, pp. 16-25.
- Claudio Moffa, Etiopia chi contro chi, filmato-reportage di circa mezzora sull'Etiopia postfeudale presentato all'ISSOCO di Roma (vedi la sezione Conferenze)

1974
- Claudio Moffa, "La rivoluzione di febbraio in Etiopia", in Quaderni Piacentini 53-54, dicembre 1974, pp. 71-96.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

4) CONFERENZE E CONVEGNI



2009
- Roma,Convegno "Sylvia Stoiklz e gli altri", con giuristi e avvocati italiani e stranieri, Teatro Manzoni: relazione introduttiva


2008
- 16 maggio, Teramo, Museo Civico Archeologico "F. Savini": Claudio Moffa, "Un Museo coloniale nell'Italia che cambia", introduzione al Seminario Africa: itinerari archeologici, linguaggi, testimonianze, organizzato nell'ambito della Convenzione MIBAC-Università di Teramo, con Paola Di Felice, Angelo Maria Ardovino, Francesca Gandolfo, Mariastella Margozzi, Silvana Balbi De Caro.

2007

- Claudio Moffa, Introduzione e La storia come reato d'opinione. Le leggi antinegazioniste in Europa, Turchia, Ruanda, in AAVV, La storia imbavagliata, atti dell'omonimo convegno del Master Enrico Mattei in Medio Oriente, Università di Teramo 17-19 aprile, Roma.

2006
- Xxxxxxxx - Claudio Moffa, conferenza su Enrico Mattei nel centenario della nascita: una memoria perduta? Festival Poestate 2006, Lugano.

2005
- 21-22 marzo - Claudio Moffa, Una narrazione autoctona:Msiri e le Memori di Mukanda Bantu . relazione al convegno Le fonti narrative nelle scienze sociali relative all'Africa, Università di Lecce, a cura di Maria R. Turano.

2004

- 23 novembre - Claudio Moffa, L'altro muro: Israele, l'Iraq e la guerra infinita: la difficoltà di informare e essere informati, relazione al Convegno internazionale Centralità del Mediterrano dopo la crisi del sistema bipolare: la crisi del sistema bipolare: il mare che ci divide e che ci unisce, Aula Magna della Facoltà di Ingegneria, Università di Salerno.

2003

- Poestate Lugano

2002

- 8 novembre - Claudio Moffa, L'Africa nera e la globalizzazione fra mito e realtà, conferenza di apertura al Seminario Africa Nera, a cura di Federico Jauch - I Grappoli di Sessa - Centro Manifestazioni, Lugano (dalla Presentazione: "Marginalizzazione o centralità? La mia tesi è che l'Africa è marginalizzata quanto a scelte politiche, sviluppo economico reale etc., ma è ben al centro delle attenzione delle multinazionali dell'imperialismo più aggressivo dal punto di vista dell'accumulazione capitalistica e della rapina delle sue risssre nella nostra epoca, postbipolare")
- 16 luglio - Claudio Moffa, Teatro dell'Africa anglofona e francofona, seminario con Claudio Gorlier., Alberto Forbice e Rocco Marano, Aula Magna della Facoltà di Scienze Politiche, Università di Roma La Sapienza, Roma.
- 13 marzo - Claudio Moffa, La Nepad in una prospettiva storica: l'Africa ed i rischi di una globalizzazione senza regole, relazione al Convegno internazionale "Nuovo piano di sviluppo dell'Africa per l'Africa", Roma, Università Gregoriana.
- 16 febbraio - Islam, un enigma per l'Occidente. La guerra infinita - Pregiudizi ideologici e interessi geostrategici, ITC L. Luzzatti, Palestrina (Roma).

2001

- 20-21 ottobre - Claudio Moffa, 11 settembre: Palestina radice della guerra. La co-regia israeliana dello 'scontro fra civiltà', relazione al convegno Il mondo dopo Manhattan. I comunisti di fronte alla guerra (con Salvatore D'Albergo, Andrea Catone, Gianfranco Pala, Stefano Azzarà, Domenico Losurdo e altri), Napoli 2001, pp. 119-134.
- Xxxxxxxx - Claudio Moffa, Palestinesi ed Ebrei: una relazione conflittuale di identità diseguali, in Rivedendo antichi pregiudizi. Stereotipi sull'altro nell'età classica e contemporanea, Corso Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo, a cura dell'Università G. D'Annunzio e dell'UNICEF, Facoltà di Sociologia, Università D'Annunzio, Chieti.
9 maggio - Convegno Palestina, informazione e prospettive di pace, con l'ambasciatore Bruno Bottai e l'inviato Gr-Rai Giancarlo Rossi, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo.

2000

- 28-29 ottobre - Claudio Moffa, I deportati libici della guerra del 1911-1912 alle Tremiti, relazione Al Convegno internazionale Gli esiliati libici nel periodo coloniale, Isole Tremiti, - 28-29 ottobre 2000.
- 12 maggio - Claudio Moffa, Conseguenze ambientali e sociali dell'intervento della NATO in Serbia .dibattito con Mauro Cristaldi (Università La Sapienza), Franco Marenco (Università La Sapienza), Claudio Del Bello (editore), Rada Raic-Ristic (scrittrice), a cura del Centro Manifestazioni I Grappoli, Lugano, Svizzera.
- 29 gennaio - Claudio Moffa, Le ragioni dei Serbi: perché? Seminario con Dragos Kalajic e altri, a cura di Nonsolotramonti.

1997

- 11-12 dicembre 1997 - Claudio Moffa, Conflittualità interetnica e origini dello Stato in Africa, relazione al Convegno L'Etnia fra "invenzione" e realtà. Storia e problematiche di un dibattito, (con Luc de Heusch, Melotti, Sivini, Banti, Alfred Bosch, Michael Cahen, Solinas, Bogumil Jewiewicki, Lombardi-Satriani, Carbone, A. Bono, Piga, Donini Moffa, Filip Reyntiens, Valsecchi), Università di Teramo, Aula Magna di Giurisprudenza, Teramo.
- 25-27 settembre - Claudio Moffa, L'Urss e il Terzo mondo. Superficialità ed errori della sinistra occidentale, relazione al Convegno italo-russo URSS. Bilancio di una esperienza, a cura dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Università di Urbino.
- 8 maggio - Fra eurocentrismo e provincialismo:la storia dei continenti extraeuropei nell'ordinamento didattico universitario italiano, seminario in occasione della presentazione della rivista Africana con Vittorio Salvadorini, Aldo Bernardini, Francesca Cantù, Claudio Moffa. Presiede Filippo Mazzonis.

1996

- 22 maggio - Claudio Moffa, intervento al Convegno L'Iraq e la crisi del Golfo nel contesto internazionale, con Sultan Ashawi, già rettore Università di Bagdad, Maareb Ahmed Kamal, deputata e vicepresidente Unione Donne Irachene, Pietro Gargiulio, Aldo Bernardini.
- 23 febbraio - Claudio Moffa, Etnicità e storicità nell'Africa precoloniale, in Seminaires d'Histoires moderne et contemporaine et d'Anthropologie, a cura della Ecole Francaise de Rome - Palais Farnese, Roma.
1994

- 10-11 novembre - Claudio Moffa, "Il III Libro del Capitale alla prova empirica della storia: capitale finanziario e commerciale nella vicenda di Suez", relazione al convegno, Il Terzo libro del 'Capitale' di Karl Marx, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo.
- 20 maggio - Claudio Moffa, "Transnazionalità e competizione interimperialistica nella vicenda di Suez. Riflessioni sulla storiografia italiana oltre il 'caso Negrelli' ", relazione al convegno Colonie africane e cultura italiana fra Ottocento e Novecento. Le esplorazioni e la geografia, promosso da Claudio Cerretti, con Salvatore Bono, Giampaolo Calchi Novati, Enrico Castelli, Nicola Labanca, Lamberto Laureti, Silvana Palma, Massimo Quaini, Francesco Surdich e altri, Istituto Italo-Africano, Roma.
- 5 marzo - Claudio Moffa, Carlo Carbone, Antonino Colajanni, Umberto Melotti, Adriana Piga, L'Africa alla periferia della storia, presentazione, Dipartimento di Sociologia, Università di Roma "La Sapienza".

1993
- 26 marzo - Claudio Moffa, L'africanistica nella crisi del processo di decolonizzzazione, introduzione al convegno La storiografia africanistica nell'età della decolonizzazione fra vecchi e nuovi miti, con Catherine Coquery Vidrovitch, Bernardo Bernardi, Salvatore Bono, Umberto Melotti, Irma Taddia, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo.

1992
- Claudio Moffa, "Un capitalismo senza apartheid? Oltre l'interpretazione neomarxista del processo di liberazione africano", relazione al Seminario "Sudafrica transizione difficile", Roma, Palazzo del Parlamento, 21 novembre 1992.

1989

- 23-29 ottobre - Claudio Moffa, I deportati libici alle Tremiti dopo la rivolta di Sciara Sciat, relazione al Convegno Fonti e problemi della politica coloniale italiana, Taormina-Messina, a cura del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Roma 1996, vol. I, pp. 259-286.

1986

- 24-26 ottobre - Claudio Moffa, Intervento al Convegno Asia e Africa nell'insegnamento secondario superiore, Università di Pavia, Centro Studi per i Popoli extra-europei.

1984

- 22 maggio - Claudio Moffa, La nuova politica economica e sociale dopo la rivoluzione del 4 agosto, relazione alSeminario Alto Volta. Dopo la rivoluzione del 4 agosto problemi e prospettive, con Sergio Lepri (direttore Ansa), Giampaolo Calchi Novati (direttore Ipalmo), sen. Luigi Anderlini, Enzo Caputo, Gabriella Fanello Marcucci, Istituto Italo Africano, Roma.
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

5) CONVEGNI IDEATI E ORGANIZZATI (sezione in allestimento)


2008
- 15 maggio - Africa: itinerari archeologici, linguaggi, testimonianze, Seminario organizzato con Francesca Gandolfo nell'ambito della Convenzione MIBAC-Università di Teramo, con Paola Di Felice, Angelo Maria Ardovino, Francesca Gandolfo, Mariastella Margozzi, Silvana Balbi De Caro, Museo Civico Archeologico "F. Savini", Teramo, 15 maggio.

2007

- 17-19 aprile - La storia imbavagliata, Convegno del Master Enrico Mattei in Medio Oriente, con Ainis, Al Qaryouti, Aruffo, Barbero, Bargiacchi, Copertino, D'Orsi, Graziani, Irace, Losurdo, Manetti, Manno, Marino, Mellini, Moffa, Paciello, Rolli, Scotuzzi, Shamir, Sinagra, Strika, Zucco, Università di Teramo 17-19 aprile.

2001

- 9 maggio - Convegno Palestina, informazione e prospettive di pace, con l'ambasciatore Bruno Bottai e l'inviato Gr-Rai Giancarlo Rossi, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo.

1997

- 11-12 dicembre - L'Etnia fra "invenzione" e realtà. Storia e problematiche di un dibattito, Convegno internazionale con con Luc de Heusch, Melotti, Sivini, Banti, Alfred Bosch, Michael Cahen, Solinas, Bogumil Jewiewicki, Lombardi-Satriani, Carbone, A. Bono, Piga, Donini Moffa, Filip Reyntiens, Valsecchi, Università di Teramo, Aula Magna di Giurisprudenza, Teramo, 11-12 dicembre 1997.
- 8 maggio - Fra eurocentrismo e provincialismo:la storia dei continenti extraeuropei nell'ordinamento didattico universitario italiano, Seminario con Vittorio Salvadorini, Francesca Cantù, Claudio Moffa. Presiede Filippo Mazzonis, 8 maggio 2007.

1993
- 26 marzo - Convegno internazionale La storiografia africanistica nell'età della decolonizzazione fra vecchi e nuovi miti, con Catherine Coquery Vidrovitch, Bernardo Bernardi, Salvatore Bono, Umberto Melotti, Irma Taddia, Facoltà di Scienze Politiche, Università di Teramo, 26 marzo 1993.

1992

- 21 novembre - Seminario "Sudafrica transizione difficile", Roma, presso Camera dei Deputati, 21 novembre 1992.

1984
- 22 maggio - Alto Volta. Dopo la rivoluzione del 4 agosto problemi e prospettive, Seminario con Sergio Lepri (direttore Ansa), Giampaolo Calchi Novati (direttore Ipalmo), sen. Luigi Anderlini, Enzo Caputo, Gabriella Fanello Marcucci, Istituto Italo-africano, 22 maggio
______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


6) INCARICHI E ASSOCIAZIONI
Socio ISIAO (Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente)
Presidente dell'Istituto Enrico Mattei di Alti Studi sul Vicino e Medio Oriente

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Attenzione: in rete compaiono a volta errori, omissioni o aggiunte a volte indipendenti dalla volontà dell'autore. Sono disponibili perciò anche i pdf di tutta la documentazione raccolta in queste pagine web di Claudio Moffa. Per averli scrivere a claudio.moffa@fastwebnet.it

*) Sono inclusi nell'elenco anche alcuni articoli su quotidiani o periodici (delle migliaia scritti dall'autore con la sua attività di giornalista e opinionista) di carattere più propriamente scientifico, e inoltre un film-reportage sull'Etiopia del Derg (1978).

Prodotti della ricerca

 
Questo paragrafo è probabilmente stato pensato per la ricerca scientifca. Tuttavia anche quella umanistica può garantire talvolta "prodotti" significativi, sotto forma di elaborazioni teoriche assumibili e classificabili come innovative.
Da questo punto di vista, dalla produzione saggistica di Claudio Moffa emergono alcuni filoni di ricerca al centro della riflessione dellc eomunità scientifiche di settore:
1) ne L'Africa alla periferia della storia (Guida edit. 1993), tradotto in Francia per i tipi dell'Harmattan con prefazione di Catherine Coquery Vidrovitch (1994), Premio Cultura Presidenza del Consiglio 1995, e che ha avuto buoni esiti di recensioni anche a livello internazionale, sono trattati due temi cruciali della storia del continente, entrambi poco considerati dall'ideologizzata africanistica dell'età della decolonizzazione degli anni Sessanta e Settanta. Il primo è la questione delle origini del sottosviluppo africano, attraverso una lettura disincantata dei fattori che l'hanno determinato - anche e soprattutto geografici - in opposizione all'interpretazione allora dominante (Samir Amin, Gunder Frank e teorici del sottosviluppo) che sosteneva un precipuo e pressoché esclusivo ruolo dell'Europa nella determinazione del fenomeno. Il secondo è il ruolo del fattore etnico nella lunga durata della storia africana, in disaccordo netto e argomentato con il filone antropologico "decostruzionista" francese che ha preteso di ridurre l'etnia a una mera "invenzione" del colonialismo immaginando conciostesso un'Africa felix priva di conflitti prima della conquista europea. Secondo il Dizionario storiografico di Bruno Mondadori che cita il libro (p. 8, c. 2), il risultato della ricerca è "una ricollocazione dell'Africa per spiegare la sua permanenza 'alla periferia della storia'ma in un flusso che rivaluta le componenti originali della propria vicenda storica".
2) Sulla scia di e in parallelo con le riflessioni sul fattore etnico, Moffa ha anche affrontato il tema complesso della "questione nazionale" proponendone fin dal 1988 (Quaderni internazionali n.2-3: "La questione nazionale dopo la decolonizzazione: per una rilettura del principio di autodecisione dei popoli") una rivisitazione nel nuovo contesto prima postcoloniale e poi anche postbipolare, ben diverso da quello dell'età della decolonizzazione: il dilagare dei conflitti nazionali interni agli Stati nazionali o multietnici dagli anni Novanta ad oggi, e la relativa implosione della loro "proiezione giuridica" - id est il "principio di autodecisione dei popoli" - suggeriscono un ripensamento generale del problema, che - al di là della nota indetermiinatezza e fluidità degli stessi concetti di "nazione" e "popolo" - non può continuare ad essere affrontato con slogans decontestualizzati tratti dalla tradizione marxista o da quella, "liberale", wilsoniana. Proporre ad esempio in Africa l'applicazione "radicale" dell'autodecisione, fondata sulla pretesa identità fra Stato e Nazione, vuol dire favorire - in un continente in cui tutti gli Stati, compresa la Somalia, hanno "propaggini" etniche nei Paesi confinanti - una destabilizzazione senza fine e l'insorgere di conflitti a catena. Gli artificiosi confini coloniali vanno superati, ma nella prospettiva di un loro scioglimento in entità federali più ampie, così da riunire le etnie separate dalla colonizzazione europea: non invece nel senso di una ulteriore frammentazione degli Stati esistenti, o nel ridisegnamento delle frontiere in base a criteri etnici secondo la proposta invero assurda - si pensi ai processi di urbanizzazione che hanno creato nel continente africano città e megalopoli multietniche - proposta una volta dal Nobel della letteratura Soyinka. Anche il principio di autodecisione va ripensato, eventualmente recuperando alcune sue formulazioni da parte della tradizione marxista (o per meglio dire austromarxista), quale ad esempio il "principio di co-decisione" di nazioni e comunità etniche che popolano il territorio "a macchia di leopardo", e che dunque sono inseparabili fra loro e costrette, a meno di odioise pulizie etniche, a convivere nel medesimo Stato. Un approccio che proietta sul piano delle relazioni internazionali, l'annosa problematica fra "diritto della maggioranza" e diritti delle minoranze.
3) Questa problematica fa da sfondo a un terzo filone di ricerca di Moffa, l'immigrazione, che sulla base di un lavoro di inchiesta e direzione scientifica svolta all'interno di due progetti internazionali (Odeg e Intemigra: vedi curriculum), lo ha portato già agli inizi degli anni Novanta a contrastare alcuni luoghi comuni fondati da una parte sulla xenofobia e dall'altra su una politica del laissez faire ("buonismo") produttrice essa stessa di quel razzismo che teoricamente vorrebbe combattere. Un approccio razionale e positivo, invece, richiede da un lato il controllo e la regolazione dei flussi migratori (negata addirittura come possibile da molta politologia di sinistra, che in questo specifico campo sembra rinunciare al "primato della politica" per la regolazione dei processi sociali ed economici, e abbandonarsi a una visione naturalistica-spontaneistica, come tale incontrollabile, dell'immigrazione); e dall'altra, oltre il microinterventismo o assistenziale o repressivo (quest'ultimo necessario per quel che riguarda l'ìimmigrazione clandestina) una politica di ampio respiro volta a bloccare alla radice i due fattori fondamentali dei flussi stessi, la crisi economica nei paesi di origine e le guerre che provocano intermittenti ondate migratorie (vedi le migrazioni dai Balcani, dal Darfur e dal Curdistan). Alla base di tutto questo emerge una visione storica del fenomeno di nuovo in contrasto con i miti della "sociologia progressista", filone di ricerca che ha pensato di trovare nella massa di immigrati - sulla base di teorizzazioni errate, come quella della non concorrenza fra lavoratori nazionali e manodopera straniera - un nuovo "proletariato", e invece favorisce solo la formazione di quello che Marx definiva "esercito industriale di riserva", una massa enorme di manodopera che svolge, anzi ha già svolto, una funzione di indebolimento a livello salariale e di sicurezza nei luoghi di lavoro, della classe operaia nazionale. Un'approccio "di destra" fondato su una analisi e su categorie tipiche della sinistra?


Link interessanti

 
 
 
 
Ultimo aggiornamento: 05-10-2017
Seguici su