N.001

A GIURISPRUDENZA UN CONVEGNO SUL GIURISTA TEDESCO CARL SCHMITT

Teramo, 31 marzo 2014 ‒ Con un convegno dal titolo Carl Schmitt, intellettuale europeo inizia la seconda edizione degli incontri che la Facoltà di Giurisprudenza dedica alla Lezione dei classici.

L’incontro ‒ patrocinato dall’Associazione dei Costituzionalisti Italiani ‒ si terrà mercoledì 2 aprile 2014 nella Sala delle lauree della Facoltà di Giurisprudenza, a partire dalle ore 9.30 fino alle 19.30.

I lavori si apriranno con i saluti del rettore Luciano D’Amico e del preside della Facoltà di Giurisprudenza Floriana Cursi.

Relatori del convegno ‒ moderato da Michela Michetti, ricercatrice di Diritto costituzionale dell’Università di Teramo ‒ saranno gli studenti del corso di lezioni in Diritto costituzionale italiano e comparato, che interverranno sul pensiero e sull’opera di Carl Schmitt.

«Figura controversa della scienza giuridica tedesca del XX secolo ‒ ha spiegato Michela Michetti ‒ Carl Schmitt pone al centro del suo pensiero politico la “relazione hobbesiana tra protezione e obbedienza”. Solo una pubblica e totale adesione al Terzo Reich gli avrebbe garantito la necessaria protezione personale e professionale. I suoi scritti vanno, dunque, giudicati nel contesto storico nel quale furono scritti, altrimenti e diversamente si rischia di distorcere l’immagine di una importante figura storica».

Le relazioni saranno articolate in quattro sessioni, le cui conclusioni saranno affidate a Agata Cecilia Amato Mangiameli, dell’Università di Roma “Tor Vergata”; Eduardo Gianfrancesco, dell’Università di Roma “Lumsa”; Enzo Di Salvatore, dell’Università di Teramo; Antonio Cantaro, dell’Università di Urbino “Carlo Bo”. Chiuderà i lavori Stelio Mangiameli, dell’Università di Teramo, direttore dell’Istituto di Studi sui Sistemi Regionali Federali e sulle Autonomie del CNR.

REDAZIONE UFFICIO STAMPA


 
Ultimo aggiornamento: 31-03-2014
Seguici su