N. 002

A TERAMO IL CONVEGNO NAZIONALE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI AGRONOMIA (2)

Teramo, 2 settembre 2011 – I lavori del Convegno nazionale della SIA si apriranno mercoledì 7 settembre alle 9.30 con il workshop La filiera del frumento duro , nell’ambito di Ager-Agroalimentare e Ricerca, un progetto di collaborazione tra Fondazioni per la ricerca scientifica in campo agroalimentare. Alle 15.30 si terrà il Simposio internazionale Crop sustainable intensification: an international overview (Intensificazione delle colture sostenibili: una panoramica internazionale), promosso dall’Università di Teramo e dalla SIA in collaborazione con la FAO, la World Bank e la Società Italiana di Ortoflorofrutticoltura.

Alle 19.30 inizierà la Cerimonia inaugurale del XL Convegno Nazionale SIA . Interverranno Michele Pisante, prorettore alla Ricerca dell’Università di Teramo, Paolo Gatti, assessore alle Politiche attive del lavoro, alla Formazione e Istruzione e alle Politiche sociali della Regione Abruzzo, Pier Paolo Roggero, presidente della Società Italiana di Agronomia.

Per l’occasione sarà presentato il progetto “Giardino della Memoria” a Villa Sant’Angelo (AQ) , coordinato dalla Facoltà di Agraria di Teramo in collaborazione con le Società Scientifiche aderenti all’Associazione Italiana Società Scientifiche Agrarie: SIA, SOI, AIIA e SISEF. Sarà, inoltre, proiettato il video L’Agricoltura italiana in 150 anni dall’Unità d’Italia , a cura di Sauro Angelini.

Giovedì 8 settembre, dalle 9.00 alle 14.30, il Convegno entrerà nel vivo con le relazioni delle prime due sessioni: Tecniche agronomiche (colture protette e di pieno campo) e Ambiente e cambiamenti climatici . Nel pomeriggio si svolgerà, invece, la tavola rotonda Formazione superiore e Ricerca Agronomica in 150 anni dall’Unità d’Italia , seguita dall’assemblea annuale dei soci SIA.

Il XL Convegno Nazionale della Società Italiana di Agronomia si concluderà nella mattinata di venerdì 9 settembre, con le ultime due sessioni: Filiere produzioni vegetali (alimentari, energetiche, ornamentali) e Agricoltura in aree marginali .

REDAZIONE UFFICIO STAMPA

 
Ultimo aggiornamento: 02-09-2011
Seguici su