N.001

CON UN CONVEGNO SU GIOVANI E OCCUPAZIONI INIZIANO LE CELEBRAZIONI DELL’UNIVERSITÀ PER I 150 ANNI DELL’UNITÀ D’ITALIA. ANCHE UN CONCERTO DELL’ORCHESTRA GIOVANILE DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE (1)

Teramo, 14 marzo 2011 – Anche l’Università degli Studi di Teramo partecipa alle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia con una serie di incontri sui temi dell’eguaglianza, delle culture giovanili e della comunicazione, organizzati dalla Facoltà di Scienze della comunicazione.

L’iniziativa si aprirà con un dibattito dal titolo I giovani e il lavoro che si terrà mercoledì 16 marzo alle ore 11.00 nella Sala conferenze della Facoltà di Scienze della comunicazione.

Dopo i saluti di Rita Tranquilli Leali, rettore dell’Università degli Studi di Teramo, e Luciano D’Amico, preside della Facoltà di Scienze della comunicazione, l’incontro sarà introdotto da Luigi Burroni, docente della Facoltà di Scienze della comunicazione.

Seguirà l’intervento di Agostino Megale, segretario della Federazione Italiana Sindacale lavoratori Assicurazione Credito della CGIL, che terrà una relazione dal titolo Creare occupazione per i giovani.

Al termine, alle ore 12.00, si terrà un concerto dell’Orchestra Giovanile dei Corsi di Alta Formazione Professionale, formata attraverso il progetto L’Abruzzo fa spettacolo realizzato nell’ambito del progetto speciale multiasse della Regione Abruzzo Reti per l’alta formazione e l’inserimento lavorativo in campo musicale e in altri campi del mondo dello spettacolo, del quale è partner l’Università degli Studi di Teramo con la Facoltà di Scienze della comunicazione.

Il concerto sarà presentato da Paola Besutti, dell’Università di Teramo, e Carla Ortolani, del Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila.

L’Orchestra, composta da circa quaranta elementi diretti dal Maestro Vincenzo Mariozzi, eseguirà Intermezzo della Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, La Cenerentola di Gioacchino Rossini, due preludi de La Traviata di Giuseppe Verdi, Suite dal “Gattopardo” e Concerto per archi di Nino Rota.

REDAZIONE UFFICIO STAMPA

 
Ultimo aggiornamento: 14-03-2011
Seguici su