N. 001

GOVERNANCE, VALUTAZIONE E NUOVI ASSETTI NEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

Teramo 22 febbraio 2010 - La Governance degli Atenei e i nuovi assetti del sistema universitario italiano sono i temi al centro di un confronto tra docenti, ricercatori, dottorandi e studenti che si terrà domani, martedì 23 febbraio, a partire dalle ore 10.30, nella Sala delle lauree della Facoltà di Scienze politiche.
A trattare l'argomento - di pressante attualità - è stato chiamato Luigi Frudà, componente del CUN, il Consiglio Universitario Nazionale, particolarmente impegnato sui nodi della riforma universitaria.
Il professor Frudà, attualmente alla Sapienza, è stato per lunghi anni docente all'Università degli Studi di Teramo. All'incontro parteciperanno il rettore dell'Ateneo, Rita Tranquilli Leali, e i presidi delle Facoltà di Scienze della comunicazione e Scienze politiche, Francesco Benigno e Adolfo Pepe. I lavori e il dibattito saranno coordinati da Everardo Minardi, direttore del Dipartimento di Teorie e politiche dello sviluppo sociale.
«L'apporto informativo e conoscitivo del professor Frudà - ha spiegato Everardo Minardi - sarà particolarmente importante, perché anche all'opinione degli stessi attori della vita universitaria (docenti, amministrativi, tecnici e studenti) sfuggono i termini del cambiamento che si sta per imprimere all'Università italiana, con effetti rilevanti quali l'ulteriore riduzione dell'offerta formativa, una più serrata selezione del personale docente, una valutazione delle performance delle Università soprattutto sulla ricerca scientifica di base e applicata, la razionalizzazione delle presenze universitarie sul territorio, attraverso una riduzione delle sedi e la federazione tra più atenei presenti nella stessa regione».
«Per questo - ha aggiunto - all'incontro sono invitati l'intero personale universitario, gli allievi dei dottorati e gli studenti per favorire una riflessione profonda sulla portata della riforma in discussione in Parlamento, che lascerà tracce significative sia sulle grandi che sulle piccole Università».
REDAZIONE UFFICIO STAMPA
 
Ultimo aggiornamento: 22-02-2010
Seguici su