N. 001

IL NUOVO PROCESSO AMMINISTRATIVO: A GIURISPRUDENZA CONVEGNO DI STUDI SULLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Teramo, 19 ottobre 2011 – A un anno dall’entrata in vigore della riforma del processo amministrativo, il Dipartimento di Scienze giuridiche pubblicistiche dell’Università di Teramo – in collaborazione con la Scuola di Specializzazione delle professioni legali, il Tribunale Amministrativo Regionale e l’Ordine degli Avvocati di Teramo – organizza un convegno di studi sulla Giustizia amministrativa, al quale parteciperanno docenti universitari e magistrati amministrativi di fama, quali il presidente emerito del Consiglio di Stato, Alberto de Roberto.

Il convegno, dal titolo Giustizia amministrativa: garanzie costituzionali e principi del diritto dell’Unione Europea , si svolgerà venerdì 21 ottobre, a partire dalle ore 9.30, nella Sala delle lauree della Facoltà di Giurisprudenza.

L’incontro ha particolare rilevanza, oltre che per il contributo scientifico dei numerosi relatori, per la complessità dei temi trattati, che attengono alla tutela nei confronti della Pubblica Amministrazione.

La prima sessione dei lavori – presieduti da Cesare Mastrocola, presidente del TAR Abruzzo – si aprirà con la relazione di Alberto de Roberto.

Seguiranno gli interventi di Franco Gaetano Scoca, dell’Università La Sapienza di Roma, che terrà una relazione dal titolo Il giusto processo; Cesare Lamberti, presidente del TAR Umbria, che parlerà di Disponibilità e onere della prova; Vincenzo Cerulli Irelli, dell’Università La Sapienza di Roma, che tratterà La giurisdizione amministrativa nella Costituzione; Mara Abbruzzese, consigliere del TAR Abruzzo L’Aquila, che interverrà su Principi di effettività e ragionevole durata tra cautela e ottemperanza; Antonio Romano Tassone, dell’Università di Messina, che approfondirà il Principio dispositivo e i poteri ufficiali del giudice. Chiuderà la sessione l’intervento programmato di Fabrizio Politi, dell’Università di L’Aquila.

La seconda sessione dei lavori inizierà alle ore 15.45 con la relazione di Alessandra Gianelli, dell’Università di Teramo, dal titolo Rilevanza delle fonti del diritto dell’Unione Europea nell’ordinamento interno: una riconsiderazione.

Seguiranno le relazioni di Umberto Zuballi, presidente del TAR Abruzzo Pescara, su Principi di proporzionalità e adeguatezza; Enrico Follieri, dell’Università di Foggia, su L’introduzione del principio dello “stare decisis”, Piero Sandulli e Alberto Zito, dell’Università di Teramo, rispettivamente su La giurisdizione esclusiva e Sentenze di condanna atipiche ed effettività della tutela.

La sessione si concluderà con gli interventi programmati di Stefano Civitarese Matteucci, dell’Università di Chieti-Pescara, e Marina D’Orsogna, dell’Università di Teramo.

Le conclusioni del convegno saranno affidate al presidente del TAR Abruzzo Cesare Mastrocola.

REDAZIONE UFFICIO STAMPA

 
Ultimo aggiornamento: 19-10-2011
Seguici su