N. 001

TERAMO ADERISCE ALLA RETE DELLE UNIVERSITÀ MERIDIONALI. I RETTORI FANNO QUADRATO PER UN PROGETTO PER LE UNIVERSITÀ DEL SUD

Teramo, 23 febbraio 2010 - Anche l'Università degli Studi di Teramo ha aderito alla Ram, la Rete degli Atenei Meridionali che raccoglie sedici Università italiane: Bari, Basilicata, Cagliari, Calabria, Enna Kore, Foggia, Messina, Molise, Napoli 2, Palermo, Politecnico di Bari, Reggio Calabria, Salento, Sannio, Sassari e Teramo. Lo ha reso noto il rettore dell'Università degli Studi di Teramo, Rita Tranquilli Leali, che ha partecipato a Roma al primo incontro della Rete con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.
La collaborazione sistematica tra gli atenei del Sud è finalizzata allo sviluppo e al rafforzamento del ruolo fondamentale che le Università meridionali hanno ricoperto nello sviluppo delle regioni del Mezzogiorno d'Italia e delle Isole, messo a rischio dalle recenti misure in materia di distribuzione delle risorse agli atenei, i cui criteri di valutazione non hanno tenuto conto degli indicatori di contesto, necessari per colmare le esigenze e i problemi specifici degli atenei meridionali.
«In un momento in cui si apre una nuova stagione della questione meridionale - si legge nel documento congiunto della Ram - le Università non vogliono sottrarsi a una nuova sfida decisiva per l'intero Paese, chiedendo però di essere messe nelle condizioni di poter svolgere appieno la loro peculiare funzione. Considerando una risorsa e non un limite la diversità tra le varie università e le loro specifiche missioni, le università meridionali vogliono, al contempo, riaffermare quello spirito di solidarietà che ha sempre costituito uno dei punti di forza del sistema universitario italiano. In tale azione i rettori della Rete confermano la loro piena adesione alla Crui - Conferenza dei Rettori delle Università Italiane - pur rivendicando la peculiarità dei problemi degli atenei meridionali con particolare riferimento alle oggettive posizioni di svantaggio socio-economico in cui gli stessi atenei si trovano a esercitare i propri compiti istituzionali. Per questo la Rete intende contribuire attivamente alla elaborazione di uno specifico Progetto Crui per le Università del Sud da sottoporre all'esame del Ministero e delle forze politiche».
REDAZIONE UFFICIO STAMPA

 
Ultimo aggiornamento: 23-02-2010
Seguici su