SPORT, CULTURA E TEATRO: GIORNATA DI STUDI PER LUCIANO RUSSI NEL DECENNALE DELLA SCOMPARSA

Teramo 31 ottobre 2019 ‒ Nel decennale della scomparsa di Luciano Russi, l’Università di Teramo e la Fondazione Russi organizzano ‒ mercoledì 6 novembre 2019 ‒ un’intera giornata di riflessioni e nuovi progetti, dedicata alla poliedrica figura intellettuale dell’ex Rettore che ha guidato l’Ateneo teramano dal 1994 al 2005.

Nella mattinata, alle ore 10.30 nella Sala delle lauree del Polo didattico G. d’Annunzio sarà presentata la nuova edizione del volume di Luciano Russi La democrazia dell’agonismo (Lancillotto e Nausica editrice) a cura di Luigi Mastrangelo, pubblicato nel 2003 e ora riproposto con l’aggiunta di significativi contributi. La lettura del fenomeno sportivo, che contraddistingue in maniera peculiare la società contemporanea, ha costituito uno dei filoni caratterizzanti della ricerca di Luciano Russi il quale, con questa opera, traccia una originale storia culturale della dimensione ludico-agonistica, strettamente connessa a quella politica.

L’incontro, moderato da Adolfo Noto docente di Storia delle dottrine politiche all’Università di Teramo, inizierà con i saluti del rettore Dino Mastrocola, del presidente della Fondazione Luciano Russi Ornella Iavicoli Russi, del preside della Facoltà di Scienze politiche Francesca Gallo e del preside della Facoltà di Scienze della comunicazione Christian Corsi. Interverranno Gabriele Gravina, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio; Nicola Occhiocupo, già rettore dell’Università di Parma; Ezio Sciarra, già preside della Facoltà di Scienze sociali dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Seguirà la presentazione del Master sullo Sport “Giuseppe Sorgi”, con cui l’Università di Teramo vuole rilanciare la pionieristica esperienza accademica dei corsi sullo sport nata nel 1995 e diventata un’eccellenza riconosciuta a livello europeo. Per ricordare quella esperienza e delineare le prospettive del nuovo Master interverranno un “allievo” di successo, Amedeo Pomilio, pallanuotista plurimedagliato e ora allenatore in seconda della Nazionale di pallanuoto che quest’anno ha trionfato ai Campionati del Mondo e Cetteo Di Mascio, laureato in Scienze giuridiche economiche e manageriali dello sport all’Università di Teramo, allenatore plurititolato nel settore calcistico giovanile.

Nella seconda parte della giornata, che inizierà alle ore 15.30 nella Sala conferenze del Polo didattico G. d’Annunzio entrerà di scena il teatro con la rappresentazione di Un paese normale , un testo scritto da Luciano Russi nella metà degli anni ’90. La storia è il frutto di una vita di studi dedicata a Carlo Pisacane, il personaggio del Risorgimento italiano per lungo tempo sottovalutato. Lo spettacolo, che ha debuttato nel luglio scorso nell’ambito del Festival “Il Fiume e la Memoria” per la regia di Rosario Galli, ricostruisce le vicende legate al fallimento della spedizione di Sapri intrecciando i fili del dramma storico-politico con quelli dei contraddittori sentimenti umani. Prima della messa in scena verranno analizzati i diversi aspetti del testo teatrale da parte di Cristina Dalla Villa, delegata del rettore all’Orientamento; Paola Besutti, presidente del Corso di laurea in DAMS; Fabrizio Deriu, docente di Culture teatrali e performative; Adolfo Noto, docente di Storia delle dottrine politiche e, infine, di Ernesto Maria Pisacane, un discendente del patriota risorgimentale che porterà l’inedito contributo delle sue memorie familiari.

REDAZIONE UFFICIO STAMPA

 
 
Ultimo aggiornamento: 31-10-2019
Seguici su