IL PROGETTO RETE TRAMONTANA III TRA I VINCITORI DEL PREMIO EUROPA NOSTRA

Teramo, 9 giugno 2020 – Il progetto europeo Rete Tramontana III sul patrimonio immateriale delle comunità rurali e montane, realizzato in collaborazione con l’Università di Teramo, è tra i vincitori dell’edizione 2020 dei Premi del Patrimonio Europeo/Premio Europa Nostra, il più prestigioso riconoscimento europeo nel campo della conservazione del patrimonio culturale, che è stato assegnato a 21 progetti selezionati da giurie di esperti di tutta Europa che hanno valutato candidature provenienti da 30 Paesi europei. Il premio, istituito nel 2002 dalla Commissione Europea e da Europa Nostra, viene conferito ogni anno a progetti che si sono distinti nell’ambito della conservazione, della ricerca, della formazione e dei servizi per il patrimonio culturale.

La Giuria ha premiato Rete Tramontana III (www.re-tramontana.org), nella categoria Ricerca con la seguente motivazione: «Questo progetto promuove un’idea dell’identità europea, e in particolare del patrimonio montano, che è comune in tutta Europa. È un eccellente esempio di cooperazione internazionale tra ricercatori con esperienza in diversi ambiti di studio. La metodologia utilizzata è replicabile in tutta Europa e ha il potenziale per essere applicata in tutto il continente».

«La crisi legata al COVID-19 – ha aggiunto in occasione della premiazione il commissario europeo Mariya Gabriel – ha messo in luce quanto la cultura e il patrimonio siano necessari per le persone e le comunità di tutta Europa. In questo momento, in cui centinaia di milioni di cittadini europei sono fisicamente isolati, il nostro patrimonio culturale continua, più di prima, ad essere occasione di incontro. I vincitori dei Premi del Patrimonio Europeo/Premi Europa Nostra di quest’anno rappresentano potenti modelli ispiratori che contribuiscono efficacemente ad una Europa più unita e resiliente». 

Rete Tramontana III è uno studio per la salvaguardia e rivitalizzazione del patrimonio immateriale delle comunità rurali e montane in Europa attraverso la sua documentazione e diffusione. La rete ha condotto oltre 1.200 indagini sul campo in prospettiva multidisciplinare: sociolinguistica, antropologica, etnomusicologica e creativa. Sono state raccolte documentazioni fotografiche, sonore e audiovisive fruibili online. Oltre alle attività di ricerca e di pubblicazione, sono stati organizzati seminari, percorsi didattici, mostre multimediali e proiezioni video in collaborazione con numerose istituzioni, università, scuole, fondazioni, biblioteche e musei.

Il progetto, nato nel 2012 ed entrato nelle Success stories di Europa Creativa, è costituito da otto associazioni di cinque Paesi: Francia, Italia, Polonia, Portogallo e Spagna. Le associazioni italiane della Rete – BAMBUN per la ricerca demo-etnoantropologica e visuale e LEM-Italia (Lingue d’Europa e del Mediterraneo) – hanno sede all’Università di Teramo, partner del progetto, che ospita anche i due centri di ricerca delle associazioni: il Centro Studi Sociolingua e il Centro Studi Don Nicola Jobbi, che si occupano della elaborazione e archiviazione dei documenti raccolti.

Le due équipe italiane di Rete Tramontana sono composte da Gianfranco Spitilli (coordinatore: Università di Teramo/Centro Studi Don Nicola Jobbi), Stefano Saverioni (responsabile audiovisivo), Marta Iannetti, Emanuele Di Paolo e Giancarlo Pichillo per l’Associazione Culturale Bambun, Giovanni Agresti (coordinatore: Université Bordeaux Montaigne), Silvia Pallini, Gabriella Francq, Renata De Rugeriis, Giulia Ferrante per l’Associazione LEM-Italia.

Le associazioni hanno operato in Italia Centrale e in particolare in Abruzzo, a stretto contatto con le comunità rurali di montagna del Gran Sasso e della Maiella. Nel corso del prossimo anno accademico all’Università di Teramo sarà organizzata una presentazione globale del progetto in collegamento con gli altri partner e con gli altri due progetti italiani vincitori del Premio: Basilica di Santa Maria di Collemaggio e Turin Papyrus Online Platform (TPOP) del Museo Egizio di Torino.

Foto del progetto scaricabili al link: 

https://drive.google.com/drive/folders/13PYnlzUrNwaACH5H-1_sz5fqYYasHMH4

REDAZIONE UFFICIO STAMPA

 
 
Ultimo aggiornamento: 09-06-2020
Seguici su