Prova finale

La laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari si consegue con il superamento di una prova finale, consistente nella discussione di un elaborato scritto, redatto dallo studente sotto la guida di un docente relatore, davanti ad una commissione di docenti. L'elaborato è attinente alle attività svolte dallo studente durante il tirocinio. Tali attività possono riguardare i seguenti punti, eventualmente tra loro integrati:
- attività sperimentali di laboratorio inerenti l'acquisizione di abilità tecniche e/o la validazione di metodi e procedure;
- monitoraggio di un processo o di un'attività produttiva attraverso la rilevazione di dati e la loro elaborazione;
- indagini di approfondimento bibliografico e documentale inerenti uno specifico argomento.
Durante la prova finale ogni candidato è preliminarmente presentato alla commissione dal Relatore che mette in luce: 
- l'impegno mostrato dallo studente durante lo svolgimento del tirocinio e la stesura dell'elaborato; 
- la qualità dell'attività svolta in termini soprattutto di autonomia e contributo personale; 
- le abilità e le competenze acquisite; 
- le capacità relazionali sviluppate e/o mostrate. 
Il Relatore segnala inoltre ogni utile elemento di valutazione del candidato, anche in relazione all'intero percorso di studio, informando ad esempio la Commissione di eventuali esperienze formative all'estero. 
La Commissione di Esame di Laurea riceve gli elaborati finali dei laureati, anche in formato elettronico, corredati da un riassunto, almeno 10 giorni prima della seduta e sottopone a valutazione individuale gli elaborati, in relazione ai contenuti scientifici e alle modalità di presentazione.
Durante la seduta di laurea, il candidato espone il proprio elaborato finale in un tempo assegnato, mettendo in evidenza le finalità del lavoro svolto, le procedure utilizzate, i risultati ottenuti e le capacità acquisite. L'elaborato può essere scritto in lingua inglese e nella stessa lingua può essere sostenuta la prova finale. La commissione, valutando l'esposizione e tenendo conto del giudizio espresso dal relatore, assegna al candidato un punteggio massimo di 10 punti.
Per essere ammesso alla prova finale, che comporta l'acquisizione di 3 CFU, lo studente deve:
- aver superato gli esami di profitto relativi agli insegnamenti di base, caratterizzanti e affini o integrativi e acquisito i 12 CFU relativi alle attività formative a libera scelta.
- aver dato prova della conoscenza della lingua straniera, conseguendo 3 CFU; 
- aver dato prova di abilità informatiche, conseguendo 2 CFU;
-aver effettuato il tirocinio pratico applicativo presso una struttura Universitaria o altro Ente pubblico o privato convenzionato, per complessivi 8 CFU;
- aver preparato un elaborato scritto sull'attività di tirocinio e averlo consegnato alla Commissione di Esame di Laurea prima dello svolgimento della seduta di laurea.

 
 
Ultimo aggiornamento: 05-06-2015
Seguici su