Visto d'ingresso per il soggiorno in Italia

Gli studenti stranieri, prima di partire, devono informarsi sulle leggi che regolano il soggiorno in Italia. Gli studenti con cittadinanza dell’Unione Europea (UE), i cittadini di Svizzera, Norvegia, Liechtenstein, Islanda, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino e Città del Vaticano, possono liberamente circolare e soggiornare in Italia fino a un massimo di 3 mesi.

 

N.b. : Gli studenti in scambio con cittadinanza dell’Unione Europea (Erasmus e altre convenzioni) che rimangono in Italia per un soggiorno di più di 3 mesi, ma temporaneo, è sufficiente che abbiano un documento d'identità valido per l'espatrio.

 

Visto di ingresso per motivi di studio

Requisiti per ottenere un visto : http://vistoperitalia.esteri.it/home.aspx

 

Visto di ingresso di breve durata per le prove di ammissione

Per partecipare alla prova di ammissione al Corso di laurea in Medicina Veterinaria gli studenti dovranno chiedere un visto di ingresso di breve durata.

 

Visto di studio

Una volta completata la preiscrizione, tutti gli studenti dovranno chiedere alla rappresentanza diplomatico consolare italiana del Paese di residenza il visto per studio/immatricolazione università. Il rilascio del visto per studio può essere concesso solo per l'immatricolazione ad un corso di laurea e di laurea magistrale ed in nessun caso è previsto il rilascio di tale visto in favore di stranieri iscritti ad anni accademici successivi a quello di immatricolazione.

 

Documenti al momento dell'arrivo in Italia

Entro 8 giorni dall'arrivo in Italia con un visto tipo D “nazionale” per studio (Immatricolazione Università) gli studenti devono inoltrare la richiesta di permesso di soggiorno per studio alla Questura competente della città in cui intendono stabilire la propria dimora.

Info: http://www.poliziadistato.it/articolo/view/10620/

 

 
 
Ultimo aggiornamento: 10-10-2017
Seguici su