Oasi feline: l'amicizia millenaria con i gatti

 
Ci sarà anche Giorgio Celli - entomologo, scrittore e docente universitario -  tra i relatori della giornata di studio dal titolo Dai Faraoni alle oasi feline: un'amicizia millenaria da non interrompere che si terrà domani giovedì 18 febbraio, presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Teramo.

Nel corso dell'incontro - organizzato dal gruppo studentesco Ateneo Sport e Cultura e dalla Facoltà di Medicina Veterinaria - sarà approfondito il tema della gestione delle oasi feline, strutture che ospitano gatti che i proprietari non possono più tenere in casa e che, a causa delle loro abitudini domestiche, se liberati sul territorio non sarebbero in grado di sopravvivere.

I lavori saranno aperti alle ore 10.30 dai saluti di Rita Tranquilli Leali, rettore dell'Università di Teramo, e di Fulvio Marsilio, preside della Facoltà di Medicina Veterinaria.

Seguiranno gli interventi di Olga Pattacini, medico veterinario dell'Azienda Sanitaria di Reggio Emilia, che porterà l'esperienza dell'oasi felina della sua città, e Luana Stefani, vice presidente dell'organizzazione no profit Animal Welfare, che parlerà della gestione delle grandi oasi feline.

Giorgio Celli
interverrà nel pomeriggio, alle ore 14.30, con una relazione sul  tema del rapporto dei gatti con l'uomo e con l'ambiente, prendendo spunto dal suo ultimo libro dal titolo Il gatto di casa: etologia di un'amicizia .

Celli
, che attualmente svolge la sua attività scientifica presso l'Istituto di Entomologia dell'Università di Bologna, ha sviluppato importanti ricerche nel campo dell'entomologia e dell'ecologia, pubblicando più di un centinaio di lavori scientifici.

Da sempre ha affiancato all'attività di scienziato quella di scrittore: è autore di numerosi romanzi, soprattutto gialli, nella cui ambientazione emerge spesso il suo amore per gli animali e soprattutto per i gatti.
Autore teatrale e televisivo è noto al pubblico per aver ideato e condotto la fortunata trasmissione Rai "Nel regno degli animali".
 
 
 
Ultimo aggiornamento: 24-02-2010
Seguici su